La copertina dell'ambientazione Ravenloft

Ieri sera si è conclusa l’avventura di prova basata su una conversione del modulo Ravenloft al sistema Dungeon Hack.

Nel complesso sono molto soddisfatto, sia di come i giocatori hanno risposto all’avventura, sia di quanto il sistema si sia dimostrato promettente. I giocatori sembravano soddisfatti, e l’ambientazione da film horror (da me modificata rispetto al modulo originale, che ambienta tutto in uno pseudo-medioevo assolutamente fuori tema) è piaciuta talmente tanto che ci sono state proposte affinché si mantenesse almeno per un po’, o comunque che si creasse un’ambientazione più moderna rispetto al fantasy “classico”. Le ipotesi sono state varie: Inghilterra vittoriana, Egitto, Prima Guerra Mondiale… In realtà dubito che le meccaniche di DH reggerebbero bene ad una conversione ad un’ambientazione troppo moderna. Fisserei come spartiacque la seconda metà dell’Ottocento, con pesanti aggiustamenti. Una soluzione valida potrebbe essere una conversione a DH della Maschera della Morte Rossa, una versione “fine Ottocento con occultismo” della Terra storica. Oppure si potrebbe continuare sulla falsariga di quanto già sperimentato, con gli stessi personaggi o con personaggi nuovi, sfruttando le potenzialità di Ravenloft come ambientazione. Un’idea che mi era venuta era di dividere il numeroso gruppo in due sottogruppi che portano avanti campagne con stili diversi, una più “tradizionale” fantasy e una più sperimentale. Sarebbe un’ottima occasione per provare il sistema di gioco della Gilda in due contesti molto diversi.

In definitiva, ho bisogno di sapere quali siano le vostre preferenze e i vostri desideri e vi raccomando di esprimerli qui, sotto forma di commento.

Keep Gaming,

Pennymaster

Annunci